mercoledì 5 febbraio 2014

Recensione in anteprima: Silver di Kerstin Gier.

Sapete già che amo quest'autrice, no? Con la Trilogia delle Geme Kerstin Gier si era guadagnata tutta la mia ammirazione, grazie alla splendida storia all'interno della quale si intrecciavano personaggi meravigliosi e vicende avvincenti e intriganti. Ora, la Gier torna con un altro divertente e interessante romanzo, il primo della Trilogia dei sogni, il cui titolo è Silver. Vi dirò, mi è piaciuto molto, ma non tanto quanto mi aspettavo o avrei voluto. Probabilmente capirete meglio leggendo la mia recensione, qui sotto -ringrazio la Corbaccio per avermi dato l'opportunità di leggere il libro in anteprima!

Silver (Silber: Das erste Buch der Träume)
Kerstin Gier
Corbaccio
324 pagine
In uscita 6 Febbraio 2014
16,40€
Acquista qui: cartaceo e ebook

★ ★ ★ ½

Un libro misterioso
Una porta magica
Un sogno incredibilmente reale

Trama: Porte con maniglie a forma di lucertola che si spalancano su luoghi misteriosi, statue che parlano, una bambinaia impazzita che si aggira con una scure in mano… I sogni di Liv Silver, quindici anni, negli ultimi tempi sono piuttosto agitati. Soprattutto quello in cui si ritrova di notte in un cimitero a spiare quattro ragazzi impegnati in un inquietante rituale esoterico. E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché Grayson e i suoi amici sono reali: frequentano la stessa scuola, da quando Liv si è trasferita a Londra. Anzi, per dirla tutta, Grayson è il figlio del nuovo compagno della mamma di Liv, praticamente un fratellastro. Meno male che sono tutti abbastanza simpatici. Ma la cosa inquietante – persino più inquietante di un cimitero di notte – è che loro sanno delle cose su Liv che lei non ha mai rivelato, cose che accadono solo nei suoi sogni. Come ciò possa avvenire resta un mistero, esattamente il genere di mistero davanti al quale Liv non sa resistere…


Credo che Kerstin Gier abbia un'ossessione per i topi, per il cognome Peregrin e i nomi pomposi. Dovevo avvisarvi. In ogni caso, ero elettrizzata all'idea di leggere questo libro! La fantastica scrittrice di cui sopra torna alla carica con una nuova, promettentissima trilogia paranormal romance e io non me la sarei di certo persa, per nulla al mondo! Non avrei mai creduto di poter leggere così presto qualcosa di suo, e invece dopo quasi due anni -Green usciva il 9 febbraio, ricordate?- rieccoci qui, con un volume di centinai di pagine fra le mani, a scorrere parole e capitoli nella speranza di ritrovare lo stile avvincente e tanto intrigante che ricordiamo. In Silver, quell'ambiguo sarcasmo a cavallo fra divertimento e critica permane non solo l'intera storia, ma anche la sua interessantissima protagonista. Liv è una liceale, ha una sorella minore di nome Mia, una balia che è un po' una seconda madre (Lottie) e un cane, un insana propensione verso ciò che di più bizzarro si può fare, dire o pensare, e una grande passione per i segreti e i misteri, cose che me l'hanno resa subito simpatica. Liv e Mia hanno affrontato il divorzio dei genitori, milioni di trasferimenti e traslochi e una vita senza radici ne affetti stanziali, solo scuole diverse ogni anno e ogni anno luoghi diversi in cui abitare. Londra è il capolinea, per entrambe, un sogno ad occhi aperti in cui potranno stabilirsi con la madre e vivere finalmente la loro adolescenza. L'inconveniente -perché, naturalmente, non avrebbe potuto semplicemente andare tutto bene, per una volta-, si chiama Mr. Spenser -okay, è Ernest, ma non voglio dargli tutta questa confidenza-, ed è il nuovo fidanzato della madre di Liv e Mia, ma anche il dardo che infrange il desiderio che aveva già preso forma nelle loro testa dal momento in ci erano salite sull'aereo dirette alla loro nuova casa. Con niente di più di una nota indolente e una scrollata di spalle, la madre le iscrive in una nuova scuola e consegna loro una notizia bomba, inattesa, perfetto carburante per l'ira e la delusione che le due giovani provano verso la madre: andare a vivere con  Mr. Spenser e i suoi due figli gemelli, un maschio e una femmina. In tutto questo, chiederete voi, qual'è la nostra consolazione? Bene, la nostra consolazione, cari lettori, è che fortunatamente l'autrice ha una certa ossessione per i bei ragazzi. Sono quattro non uno, eh?!, bensì QUATTRO, angelici, bellissimi e affascinanti i giovani gironzolano raffinatamente per i corridoi attirando occhiatine e sospiri, e con cui la nostra Liv è tanto fortunata da scontrarsi fin da subito permettendo anche a noi di dare una lieve occhiata al gruppo -e altre più approfondite in seguito, anche grazie ah un blog  che, alla Gossip Girl, racconta i fatti di tutti gli studenti. Specie, ecco, quando uno di questi, Grayson, si rivela essere niente di meno che il figlio del compagno della madre.

La partenza schietta, divertente ed evocativa, abbastanza da mettere le cose in chiaro nello stesso momento in cui il lettore le legge per la prima volta, attira l'attenzione mantenendola ad alti livelli finché, poco dopo, qualcosa di altrettanto originale mette in moto gli eventi. Che eventi! E pensare che tutto comincia con sogni tanto casuali che quasi non ci facevo caso, sul punto di dimenticare quale fosse il tema principale del romanzo. Ma in questo scenario da Alice nel Paese della Meraviglie, la fantasia dell'autrice è emersa in tutti i suoi colori, vale a dire in tutte le più assurde forme di stramberia. Ridevo una pagina si e una no!, fra porte, maniglie a forma di lucertola, statue grassocce, corridoi insoliti e passaggi poco chiari, gatti con le budella di fuori, cimiteri e intenti non così ovvi e intuibili, là dove la pacata ironia di Liv si scontra con il cipiglio sostenuto e perplesso dei quattro ragazzi che appaiono nei suoi sogni. Ovviamente la vena adorante di complotti ed enigmi che risiede in Liv emerge prepotentemente gettandola in una vera caccia alla soluzione, con tanto di appunti e considerazioni alla Sherlock Holmes. La notte diventa un labirinto all'interno del quale accadono le cose più strane, dove Liv incontra persone che non conosce, ritrovandosele a scuola il mattino dopo, e sente nomi e dettagli sconosciuti alla sua mente, ma stranamente precisi. Con il suo spirito fiero e inviperito, Liv indagherà al meglio delle sue possibilità accostandosi sempre di più al gruppo di ragazzi più ambiti della scuola, il suo interesse specchio riflesso del loro nei propri confronti, anche se ancora non sa quanto di vero ci sia nel suo subconscio la notte. Apparentemente somigliano quasi ad un setta satanica, ma è tutto troppo bislacco -in senso buono, credo- ed esilarante per sembrare un film dell'orrore. Eppure, pian piano mi accorgevo che, tra un sorriso e una risata, una sorta di nebbiolina minacciosa si espandeva all'interno della storia, affiancando sfumature più cupi e incomprensibili ai vaghi tentativi di Liv di scongiurare quegli avvertimenti sottili con delle battute -spesso non volute. L'idea di demoni, desideri nascosti e patti di sangue definiranno pericoli che all'inizio appaiono solo irrazionali e facili da deridere. Fra una serie di esilaranti intrecci e imprevisti, Liv deve mettere da parte la sua infallibile logica e trovare una spiegazione in qualcosa di ben più astratto e impossibile... forse non così tanto impossibile, dopotutto. 

Considerazione personale numero uno: okay gente, la questione è la seguente: non si può assolutamente negare che i fantastici quattro, qui, siano, appunto, fantastici, e sono sicura che volete sapere anche qualcosina in più su questo quartetto così incredibile. Ci sono Jasper Henry con i loro atteggiamenti aristocratici, sebbene Jasper li mostri con più schiettezza e allegria di quanto non faccia il serioso, ed enigmatico e affascinante e affascinante Henry, Arthur, un po' difficile da inquadrare, pratico, coscienzioso e con una vaga tendenza al melodramma, ma scalmanato come il resto della combriccola -e si, altrettanto bello. E poi c'è Grayson, il più restio a coinvolgere Liv nella faccenda, il quasi-fratellastro acquisito dall'aspetto un po' tormentato, come se avesse sempre pensieri per la testa. In qualche modo si sono accaparrati tutti il mio affetto, i miei sospiri e sorrisi esagerati. Tutti mostrano una certa tenerezza nei modi, per alcuni più sinistra rispetto ad altri, che li distingue totalmente dal classico misterioso e belloccio e arrogante protagonista maschile dei romanzi paranormal. Diversamente l'uno dall'altro, hanno la brillante capacità di ammaliare, far impazzire, ridere e confondere la nostra Liv. E non mentirò, fin dall'inizio tifavo per Grayson, esattamente come mi suggeriva il mio istinto. Ha tutto ciò che mi piace trovare nel lui della situazione: un bel sorriso, modi cortesi che nascondo l'irruenza e la passionalità del suo animo, aura un filo misteriosa e inquieta, giusto perché non c'è nulla di banale o sciatto in lui -anzi, il suo fascino modesto e contenuto mi ha conquistata subito! Ma poi, ecco, arrivano Henry e la sua strategica e controllata sicurezza di sé a giocarmi brutti scherzi, e allora mi confondo un poco, pur restando team Grayson. In qualche modo, anche quando non parla, si è sempre consapevoli della sua presenza. La cotta che Liv si prende per lui mi ha lasciata un po' perplessa... e desiderosa di scoprire se questo loro rapporto verrà spiazzato da altri sentimenti per qualcun altro, come io spero avvenga. La pecca, in tutto ciò, sta nel fatto che personaggi così promettenti non vengano approfonditi e sviluppati bene tanto quanto mi aspettavo.

Considerazione personale numero dueLiv è uno spasso, intraprendente com'è e senza peli sulla lingua. Equilibra momenti in cui suscita il mio divertimento ad altri in cui la dedizione verso ciò che sta accadendo nei suoi sogni è tanto intrigante che non potevo distogliere lo sguardo dal libro nemmeno volendo. E' inarrestabile, anche di fronte ai pericoli -specie quelli che non vede-, troppo curiosa e appassionata per pensare anche solo di fermarsi. Ho apprezzato moltissimo questa protagonista, ma nonostante la sua propensione al sarcasmo leggero sia qui precisa e ben piazzata, a volte mi è sembrata un po' una forzatura, rispetto alla naturalezza con cui l'autrice -e Gwen- ne faceva uso nell'altra trilogia.
Considerazione personale numero trequalcosa, in questo libro, non ha funzionato a dovere. Per tutta la lettura ho avuto la sensazione di guardare immagini opache e sfuocate, cambi di atteggiamento troppo improvvisi e poco descritti, indagini un po' campate in aria che giungono alla conclusione giusta senza un adeguato intermezzo. Insomma, poco si capiva sul come, quando, perché si era arrivati in un certo punto e con certe ipotesi in mente, dato che i collegamenti tanto ovvi alla protagonista nella mia testa non funzionavano altrettanto bene. Okay, tutto ha un senso, questo non lo nego, ma certi punti, a mente lucida, mi risultavano caotici e balzavano agli occhi troppo bruscamente. Ed è un vero peccato, perché la storia funziona a meraviglia ed è intrigante, i personaggi sono carinissimi e mi ci sono affezionata davvero. Potremmo imputare questi piccoli difetti all'etichetta di primo libro, ma parlando di Kerstin Gier questa scusa suona un po' debole, dato che Red era stato sorprendente sotto ogni punto di vista. La stessa parte romance del libro mi è parsa un po' campata in aria; carina si, emozionante pure, ma non abbastanza da meritarsi lacrime di gioia. E' come se nel ricorrere al proprio stile fresco, divertente e stravagante, la Gier si fosse concentrata un po' troppo nell'emulare l'atmosfera frizzante e travolgente avvertibile nei suoi precedenti romanzi, senza esserci riuscita totalmente. Tuttavia non si può negare la più spiccata autonomia della Trilogia dei Sogni, evidente nei personaggi, simili ai loro predecessori eppure diversi per aspetto, carattere, segreti e ambizioni, e nella storia stessa. In realtà ho sorriso di fronte al suo ricorrere a piccoli dettagli già incrociati nella storia di Gwenn e Gideon. Solo, ecco, non con lo stesso trasporto che speravo avrei provato.
Ma questo ci porta alla considerazione personale numero quattrol'idea dei sogni è geniale. L'interpretazione del subconscio è un pallino mentale che ho da un sacco di anni, e che da altrettanto tempo mi riprometto di approfondire. Perciò ero davvero curiosa di scoprire il modo in cui la Gier aveva affrontato la faccenda,. Padroneggia l'argomento modellandolo alla propria trama con leggerezza e intensità, arricchendo il tutto con intriganti stereotipi adolescenziali -la Gier ha proprio un'ossessione per i romanzi in costume- che, non essendo del tutto banali, rendono l'intero mistero di gran lunga più intrigante. L'unica lamentela che mi permetto di avanzare è quella della mancanza di approfondimenti. Questo aspetto del romanzo mi ha un po' delusa, perché davvero mi aspettavo qualcosa di più. A parte questo, ho adorato il modo in cui i personaggi si accostano ai misteri del loro patto con il demone, come lo scoprono e lo affrontano, come si alleano e come proseguono.

Per dirla breve, Silver è un esperimento riuscito, certamente, ma non al massimo delle sue potenzialità. In un certo senso è tutto più definito e maturo, ma avrei preferito sapere molte altre cose in questo primo capitolo, insieme ad un migliore delineamento della storia. L'autrice ha dimostrato ancora una volta uno sguardo attento verso ciò che circonda i suoi personaggi, e la vena ironica, pungente e un po' bonaria, ma non per questo poco efficacie, che a volte ricorda i toni delle satire latine -ve lo dico perché sto studiando Orazio, e alla mia prof piacerebbe sapere che uso paragoni simili anche nella mia vita al di fuori della scuola-, è un tratto distintivo della Gier, come avevamo avuto modo di vedere già dal capolavoro ottimamente riuscito che è la Trilogia della Gemme. Fra pietre preziose, bei vestiti e viaggi nel tempo, ne abbiamo viste di tutti i colori -abbiamo riso e pianto e amato ogni emozione di quella serie, io sicuramente. Ma stavolta, il salto avviene non fra un'epoca e un'altra; ciò che qui si costruisce mattone dopo mattone, è un limite che separa la realtà dal mondo onirico, un posto magico e piena di possibilità, ma non per questo meno insidioso.

20 commenti:

  1. LO VOGLIOOOOO... HO AMATO RED BLUE E GREEN...ok scusate ma mon sto più nella pelle!!!!!! Lo devo assolutamente avere
    P.S.ottima recensione Bliss ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capirti, la Gier è sempre la Gier *w*
      Grazie Tracey :D

      Elimina
    2. Ahahahah... niente,anzi grazie a te!!!

      Elimina
  2. Bella recensione! Però secondo me i difetti come il delineamento della storia c'erano già nella Trilogia delle Gemme, che a me è piaciuta molto, ma linearissima non era. Detto questo, sono comunque curiosissima di leggere questo libro! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chevalier :) Ti dirò, nell'altra trilogia non l'ho notato moltissimo, mentre qui mi è sembrato un tratto non trascurabile. Però resta il fatto che il libro è bello e non vedo l'ora di sapere come continui la storia *w*

      Elimina
  3. Recensione bellissima, mi hai messo ancora più voglia di leggerlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie *_* Leggi leggi, la Gier crea sempre storie bellissime :D

      Elimina
  4. Sono ancora più curiosa di leggerlo ora!! *-* Sinceramente la mancanza di approfondimenti non mi preoccupa particolarmente (a meno che non sia davvero fastidiosa, tanto da rendere i personaggi insipidi, ma non mi sembra il caso) dato che è soltanto il primo libro... anzi, è probabile che mi faccia desiderare maggiormente il seguito per saperne di più!! :D In ogni caso aspetto di averlo letto per giudicare...non vedo l'ora!! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooh, sono contenta *w* Si, anche io ho in parte imputato la cosa al fatto che siamo ancora al primo libro, ma certi collegamenti sono inesistenti e si salta da un'ipotesi all'altra senza molta linearità -è stato questo ad infastidirmi di più. Però i personaggi sono interessantissimi e spero proprio che ti piaccia come dici! ;D

      Elimina
  5. Non vedo l'ora di poter leggere questo libro visto che ho adorato la trilogia delle gemme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo farai, torna pure qui a dirmi come ti è sembrato, sono curiosa :D

      Elimina
  6. Ho concluso e recensito da poco la trilogia delle gemme, che mi è piaciuta ma non mi ha entusiasmata. Sono molto curiosa di sapere cosa combinerà con questo libro la Gier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se questo ti piacerà, magari si, magari anche di più. Io, per ora, preferisco sicuramente la Trilogia delle Gemme c:

      Elimina
  7. Anch'io ho amato la trilogia delle gemme, e sn molto curiosa di questo suo nuovo romanzo :)
    Ancora una volta, complimenti x la bella recensione!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il complimento :')
      Si, se quella ti è piaciuta allora spero ti piacerà anche questa! :D

      Elimina
  8. Davvero bella recensione Bliss! L'ho finito giusto stamattina (volevo farmelo durare almeno 3 o 4 giorni e invece, come al solito, non ci sono riuscita, uffa) e concordo pienamente con tutto quello che hai detto. Mi è piaciuto tantissimo, il tema onirico davvero originale, i personaggi, l'ironia, però il finale mi ha lasciata un po' interdetta e con una domanda: ma come, finisce così, è tutto qui? Però non me la prendo perché anche Red non mi aveva conquistata al 100%, a quello hanno pensato Blue e Green, magnifici.

    SPOILER QUINDI NON LEGGETE SE NON AVETE LETTO SILVER!!!
    Comunque una cosa proprio non mi va giù...la parte romantica. Henry è carino e tutto, però ho come l'impressione che nasconda qualcosa e soprattutto non lo vedo adatto per Liv. Proprio come te sono decisamente team Grayson. Ma insomma, è adorabile! Quando ha vegliato tutta la notte sul sonno di Liv dalla poltrona è stato il massimo. A volte ho avuto il sospetto che anche Liv lo pensasse e continuo a sperare che prima o poi le cose vadano in quella direzione.
    FINE SPOILER

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ti capisco, se un libro mi piace neanche io riesco a farlo durare tanto xD Esatto, è proprio ciò che ho pensato, con la differenza che io avevo amato Red in tutto e per tutto, tanto quanto i sequel -okay, i sequel un po' di più xP Ma sono fiducia sui prossimi libri di questa trilogia, confido nella magia della Gier :D

      SPOILER, NON LEGGETE!
      Ah!! Che bello sapere che qualcuno concorda con me!! Quell'Henry mi puzza di bruciato, tanto quanto il suo desiderio .-. No no, non credo che col carattere che si ritrova, silenzioso e riservato com'è, si metterebbe a fare pensieri romantici .___. Io tifo per Grayson *w* Oddio si, mi ha fatto una tenerezza!! E quando si vedono la prima volta in sogno, allora? E lui le guarda le labbra?? *muore* Oh si, vedrai, deve andare così u.u Perché Liv ed Henry si sono messi insieme troppo velocemente, la cose non mi convince u.u
      FINE SPOILER

      Elimina
    2. Oddio menomale che ho trovato qualcuno che la pensa come me!!! Anch'io sono del team Grayson *-* assolutamente, l'ho amato dal primo momento in cui ha incontrato Liv <3
      SPOILER
      Come hai detto tu, Bliss, quell'Henry mi puzza di bruciato, soprattutto perché nei sogni è sempre così carino con lei (che ho persino temuto che in realtà fosse il demone che aveva assunto le sue sembianze la maggior parte delle volte O.o) e ce lo vedevo più da amico sinceramente..
      in più è insuperabile la scena appunto in cui Grayson rimane a vegliare su Liv per tutta la notte quando tornano dal cimitero :3 è davvero troppo dolce!! e spero vivamente che la storia converga su di lui, e che Liv si renda conto di che cosa si è lasciata alle spalle *w* xD anche perché la relazione sentimentale che ha con Emily la vedo un po' forzata e spero che nei prossimi libri si scopra il perché di questo..
      Anche a me non ha convinto granché quando Henry ha detto che il suo desiderio era quello di incontrare una persona di cui innamorarsi e ribadisco che è troppo sentimentale per i miei gusti e io sono convinta che ci sia qualcosa sotto >.>
      Devo dire che mi ha soppresso il finale, anche perché tuttora non capisco il motivo di liberare un demone (ragazzi! Svegla! quello è un demone, ovvero altro nome per indicare qualcosa di malvagio!!) anche se Annabel mi è sembrata una s*****a fin da subito dal modo in cui si è comportata con Arthur (e poi diceva di amarlo >.>)..
      E devo aggiungere che io come te ho trovato parecchie lacune e spero che si trovi la risposta a questi dilemmi nei prossimi libri :)

      Elimina
  9. Io lo sto leggendo, sono giunta quasi alla fine ma non riesce proprio ad appassionarmi questo libro.
    L'ho iniziato piena d'entusiasmo perchè ho amato la trilogia delle gemme ma questo libro mi ha delusa tantissimo, lo sto continuando solo perchè non è mia abitudine non concludere la lettura di un libro...

    RispondiElimina

Ti è piaciuto il mio post? Daaaai, lascia un commento, sarei davvero contenta di sapere che ne pensi! *^*