venerdì 2 maggio 2014

Chi ben comincia... (o mal finisce) #12


Chi ben comincia è una rubrica a cadenza settimanale -anche se io sono un po' lunatica e a volte salto sorvolo la questione ordine- ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri, e consiste nel condividere con voi lettori le prime righe dell'incipit di un romanzo che ho letto/sto leggendo/leggerò per indirizzarvi positivamente o meno verso la lettura in questione.

COMUNICAZIONE: sappiate che mi dispiace un sacco per la mia assenza prolungata e vi abbraccerei uno per un perché continuate a crescere e a far aumentare le visualizzazione del blog e io sono commossa e non so cosa dire e vi adoro e- un secondo, devo riprendere fiato. Finito quest'inferno mi farò perdonare, promesso. Per ora, sappiate che dal 7 al 13 Maggio parto in gita scolastica per andare aaaa.... *rullo di tamburi*.... PRAGA! Più una capatina a Vienna l'ultimo giorno. E non vedo l'ora! Programmerò dei post, tranquilli, e poi, se vi va, vi farò vedere delle foto raccontandovi com'è andata!
*fine comunicazione*

Eh, l'avete notato il titolo, si? In effetti, fra risatine, risate, risate da spacca-stomaco e lacrime agli occhi, più qualche girata d'occhi, direi che il libro di cui sto per lasciarvi una breve intro e che ho da poco finito è stato abbastanza deludente. Dopo aver faticato tanto per arrivare alla fine delle 603 pagine, probabilmente mi deciderò di leggere anche i seguiti, più che altro per varcare le soglie della conoscenza alla ricerca di una sola risposta: com'è possibile che questo libro abbia valutazione medie così ALTE? Ho davvero bisogno di saperlo.

Afterlife
Stephanie Hudson

PROLOGO
«Perché temiamo l’oscurità, quando la luce ci svela ancor più il regno degli incubi?»

Ascoltavo i passi sopra di me, sempre più vicini. Tremavo, per un riflesso istintivo. Ogni fibra del mio essere urlava, ogni senso mi allertava del pericolo imminente. Il tanfo dell’ambiente umido mi inondava le narici, come se ci fosse un cadavere putrescente lì accanto. Mi sanguinavano le mani: tenevo le unghie conficcate nei palmi, le dita dolorosamente serrate fino a sbiancare le nocche.
Lo sentivo, ormai. Portava i soliti stivali, ed era come se l’inferno stesso lo trascinasse verso di me. Li indossava per torturarmi la mente: stivali da motociclista, con la suola spessa. Quando veniva da me, però, non udivo mai il rombo di una moto. Di lì a poco il fiato nauseabondo di un mostro in carne e ossa mi avrebbe sussurrato all’orecchio, spiegandomi che anche le creature partorite dall’inferno sono in grado di provare sentimenti, di amare.
Non credevo alle sue bugie... e chi l’avrebbe fatto?
Non riuscivo più a respirare, mi restava una manciata di secondi. Era forse questa la fine, la mia fine? L’ambiente buio fu inondato da una luce innaturale, e una figura si stagliò come una sagoma mortale. Non era certo la prima volta che ci incontravamo, eppure non riuscii a soffocare il gemito che mi sfuggì dalle labbra screpolate e sanguinanti. Mi succedeva ogni volta che vedevo cose inspiegabili. Dovevo trovare la forza necessaria, o non mi sarei mai liberata di quella maledizione.
Era giunto il momento.
Il tempo era finito.
I bordi affilati che stringevo mi affondavano nei palmi delle mani, scivolose per il sudore freddo. Udii un altro passo, ma non mi girai. Senza guardarlo in faccia, feci quel che dovevo.
«Addio» dissi con un filo di voce, prima che lamia vista si riempisse di sangue.

Aprii gli occhi di colpo: ero vigile. Mi ci volle un momento per capire dove mi trovavo. Notai gli altri passeggeri, che avevano assistito attoniti al mio risveglio improvviso. Su un volo transoceanico è normale che siano tutti un po’ nervosi, e una passeggera che si drizza a sedere di scatto suscita per forza qualche occhiata allarmata. Ero talmente abituata a quelle reazioni che per me erano ormai diventate una seconda natura; il torpore delle membra non era una sensazione nuova, così guardai fisso davanti a me come se intorno non ci fosse nessun altro.
Mi strofinai le braccia con gesto meccanico ripensando ai particolari del mio incubo ricorrente e fui assalita da un senso di nausea. Un sentore di bile mi riempì la bocca, amaro retrogusto che gli incubi non mancavano mai di lasciarmi.
Naturalmente nella realtà non era andata come nel sogno, ma la mia mente lo riproponeva sempre allo stesso modo, per quanto inesatti fossero i particolari.
«Hai avuto un incubo, tesoro?» Sobbalzai sul sedile: era la prima persona che mi rivolgeva la parola dopo ore. Una signora grassoccia, con i capelli grigi e una maglia a fiori, mi sorrise in attesa delle uniche parole che fui in grado di dirle.

«Sì, qualcosa del genere.»

Keira è tormentata da un passato spaventoso, e questo, credo, le sembri una giustificazione plausibile per urlare una pagina si e una no. Perché gli scrittori pensano che lacrime facili, urli, e parole filosofiche siano la chiave per arrivare al cuore dei lettori? Spesso, se fatta male, è solo una messa in scena, e io preferisco di gran lunga la semplicità di una mente vera. Non nego che, in qualche modo, ci sia voluto per forza un minimo d'interessa da parte mia per completare il libro -ero curiosa di sapere come andava a finire-, ma mi lascia perplessa il pensiero che sia piaciuto così tanto. Spero di trovare questa scintilla nei prossimi libri, che come ho detto probabilmente leggerò, e ne riparleremo. Le pippe mentali di Keira... non le supera nessuno, ve lo giuro. Provare per credere. Chi lo ha letto e concorda/vuole sputarmi in faccia?

11 commenti:

  1. Io l'ho odiato....proprio brutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io l'ho trovato più che altro ridicolo e poco sopportabile, ma non abbastanza da smettere di leggere. Arrivare fino alla fine è stato un parto!
      Bah, le 4.1 stelline su goodreads per me rimangono un mistero!

      Elimina
  2. Mi sembrava davvero tanto interessante ma ho visto che ha deluso molte persone, quindi per il momento ho deciso di non leggerlo e mi riservo di cambiare idea se migliorerà nei seguiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem a me, sinceramente la trama m'intrigava, ma poi leggendo è diventato ovvio che non fosse poi grandioso :/

      Elimina
    2. Io gliene ho dato 1 sola. 1! ed è tanto!

      Elimina
    3. Io due, perché non so come, ma sono un po' curiosa di capire cosa diamine combineranno successivamente. Per esserci altri tre libri... O.o

      Elimina
  3. Stessi pareri ovunque, una tortura.
    Buona gita loooooooooooooooooooove! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh infatti, li ho coperti più che altro mentre leggevo, perché ho voluto iniziare a mente libera u.u
      Grazie, non vedo l'ora *w*

      Elimina
  4. Io ero stata a Vienna in gita!
    Comunque a me questo libro incuriosiva, ma siccome tutti ne parlate male non so davvero come comportarmi. Probabilmente lo lascerò stare per un altro pò di tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di partire *w*
      Già, stessa cosa per me, ma ora non sono sicura che lo consiglierei. Forse si perché, comunque, ognuno deve farsi una sua opinione, ma non è niente per cui valga la pena spendere molto o avere alte aspettative.

      Elimina

Ti è piaciuto il mio post? Daaaai, lascia un commento, sarei davvero contenta di sapere che ne pensi! *^*